Fasi, tipi e sintomi da conoscere

Mettiamo in chiaro una cosa: il dolore mestruale non è normale.

Naturalmente, tutti noi proviamo un certo disagio in questo periodo del mese e ogni tanto potremmo avere qualche giorno di crampi particolarmente dolorosi. Ma se hai periodi dolorosi costanti in cui il dolore è così debilitante che devi saltare il lavoro o stare a letto tutto il giorno, potresti sentirti endometriosie devi assolutamente contattare immediatamente il tuo medico.

Abbiamo parlato con esperti di salute delle donne e ginecologi praticanti per spiegare in dettaglio le diverse fasi dell’endometriosi e come vengono diagnosticate. Ma prima ti starai chiedendo:

Cos’è l’endometriosi?

L’endometriosi è dove il tessuto che normalmente riveste l’utero si trova al di fuori dell’utero, dice Sherry Ross, MDspecialista in salute sessuale delle donne, autore di Lei-ologia e La She-quel. “Gli impianti endometriali, come vengono chiamati, possono essere trovati sulle ovaie, sulle tube di Falloppio, sull’intestino, sulla vescica e in qualsiasi altra parte del bacino”, aggiunge.

Questa malattia infiammatoria genetica cronica del bacino è spesso caratterizzata da periodi dolorosi, dice Khara Simpson, MDassistente professore di ginecologia e ostetricia presso la Johns Hopkins Medicine.

Quali sono i diversi stadi/tipi di endometriosi?

Il Dr. Ross osserva che gli stadi dell’endometriosi sono utili per comprendere l’entità del processo patologico che alla fine guida la strategia e la prognosi del trattamento. Aggiunge che i diversi stadi dell’endometriosi si distinguono “osservando la diffusione del tessuto endometriale, la sua profondità, le aree delle strutture pelviche interessate, l’estensione delle aderenze pelviche e il blocco delle tube di Falloppio”, afferma il dottor Ross. .

Dal punto di vista chirurgico, può esserci endometriosi superficiale o peritoneale, in cui il peritoneo, la membrana che riveste l’addome, è infiltrato con tessuto endometriotico, oppure può esserci endometriosi infiltrante profonda (DIE), che coinvolge altri organi all’interno e/o al di fuori della cavità pelvica, dice il dottor Simpson. “Ognuno risponderà in modo diverso ai diversi tipi di gestione chirurgica”.

L’American Society for Reproductive Medicine o Sistema di valutazione ASRM è suddiviso in quattro stadi o gradi a seconda del numero di lesioni e della profondità di infiltrazione:

Passaggio 1 (1-5 punti): Endometriosi minima con un numero limitato di impianti trovati sugli organi o sui tessuti che rivestono il bacino o l’addome. Il tessuto cicatriziale probabilmente non sarà visibile.

Passaggio 2 (6-15 punti): L’endometriosi lieve ha impianti più visibili e più profondi rispetto allo stadio 1. Si può anche vedere tessuto cicatriziale.

Fase 3 (16-40 punti): L’endometriosi moderata ha impianti profondi, con cisti su una o entrambe le ovaie e presenza di aderenze pellicolari.

Fase 4 (>40 punti): L’endometriosi grave ha molti impianti profondi con grandi cisti su una o entrambe le ovaie e molte aderenze dense.

È importante notare che il dolore di una donna non dipende dallo stadio dell’endometriosi e viceversa. Una persona potrebbe avere l’endometriosi allo stadio 4 ma non provare molto dolore, mentre qualcuno con una malattia allo stadio 1 potrebbe provare molto più dolore, afferma il dottor Simpson. “Lo stadio è indipendente dai sintomi del paziente”.

Come vengono diagnosticate le fasi dell’endometriosi? E i sintomi sono diversi per tutti?

Gli stadi dell’endometriosi vengono diagnosticati mediante laparoscopia e biopsie di tessuto sospetto, afferma il dottor Ross. L’ecografia pelvica, la TAC e la risonanza magnetica vengono utilizzate anche per vedere l’entità dell’endometriosi nel corpo, a seconda del tipo di endometriosi che hai.

Come affermato in precedenza, sintomi di endometriosi non riflettono lo stadio di questa malattia imprevedibile. I sintomi dell’endometriosi in chiunque possono includere forti crampi mestruali e flusso sanguigno irregolare o abbondante, dolore durante il rapporto sessuale, infertilità, minzione dolorosa durante il periodo mestruale, diarrea, costipazione e nausea.

In che modo lo stadio dell’endometriosi influisce sul trattamento?

“Il trattamento dipenderà dalla gravità e dall’interruzione dei sintomi di questa malattia imprevedibile”, afferma il dottor Ross.

In genere, i sintomi vengono gestiti per primi, quindi “lo standard di cura prevede che il paziente abbia sintomi e quindi inizi le pillole antinfiammatorie e anticoncezionali”, afferma il dottor Simpson.

Tuttavia, in alcuni casi, la chirurgia può essere la migliore linea d’azione, secondo il dottor Simpson. “In alcuni casi, l’endometriosi di una paziente può causare un endometrioma, una cisti di liquido endometriale che riempie l’ovaio, che non migliorerà con la gestione medica e deve essere trattata chirurgicamente. Un altro caso in cui un approccio chirurgico è comune è se qualcuno soffre infertilità, che può essere il risultato dell’endometriosi.”

Poiché l’endometriosi è una malattia cronica, c’è sempre il rischio di recidiva, soprattutto nei pazienti con malattia più grave. “Trattiamo ancora la malattia che vediamo, ma non impediamo che si ripresenti”, afferma il dottor Simpson. Quando il chirurgo scopre l’endometriosi, gli impianti endometriali possono essere tagliati (asportazione) o bruciati (ablazione).

Nel complesso, il Dr. Simpson afferma che “a trattamento chirurgico Il piano tiene sempre traccia della gravità del dolore di una persona, indipendentemente dal fatto che abbia risposto o meno ad altre terapie mediche e se desidera avere figli. Nei casi più estremi, alcuni pazienti optano per a isterectomia (rimozione dell’utero) ed eventualmente un’ovariectomia (rimozione delle ovaie).

Abitudini di vita sane, tra cui esercizio fisico regolare, dieta colorata, prevenzione della stitichezza, termoforo, meditazione, medicina cinese, rimedi omeopatici, gestione delle allergie e immunoterapia sono opzioni di trattamento alternative talvolta raccomandate per le persone con endometriosi, afferma il dottor Ross.

Cosa fare se pensi di avere l’endometriosi?

Consulta il tuo ginecologo e fatti valutare.

Il Dr. Simpson dice sempre ai suoi pazienti che “il dolore con il ciclo non è normale. Il disagio del ciclo può essere normale. Ma se ogni mese il tuo dolore mestruale ti impedisce di lavorare, ti impedisce di svolgere le normali attività, se devi stare a letto, non è normale. Se ritieni di non poter fare a meno di ibuprofene ad alte dosi durante il ciclo, non è normale.

È importante essere consapevoli dei segni e dei sintomi dell’endometriosi perché è una condizione sottorappresentata, dirompente e trascurata che può colpire 1 donna su 10, afferma il dottor Ross. “La diagnosi e il trattamento precoci possono cambiare la vita e convalidare. Le donne potrebbero aver bisogno di guidare la carica ed essere i loro migliori sostenitori dell’assistenza sanitaria per ottenere una diagnosi e un piano di trattamento adeguati.

Cos’altro dovrei sapere?

Il nostro sistema sanitario e i nostri fornitori spesso trascurano i segni e i sintomi associati all’endometriosi, afferma il dottor Ross.

“UN ritardo diagnostico è la norma che significa anche un ritardo nel trattamento. Le donne devono essere le loro migliori sostenitrici dell’assistenza sanitaria e ottenere una seconda e una terza opinione finché non si sentono ascoltate e convalidate. Mentre spetta ai professionisti medici stabilire il collegamento tra sintomi, diagnosi e trattamento di diagnosi mediche complesse come l’endometriosi, le donne devono essere persistenti quando i sintomi insoliti e dolorosi diventano dirompenti.

Add Comment