Febbre dengue: un problema sanitario emergente – Jammu Kashmir Ultime notizie | Turismo

Il dottor Tasaduk Hussain Itoo
La febbre dengue è un’infezione virale trasmessa da due tipi specifici di zanzare, le specie Aedes aegypti e Aedes albopictus. L’incidenza globale della febbre dengue è aumentata drammaticamente negli ultimi anni.
Secondo una recente stima globale, fornita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – ogni anno nel mondo si verificano fino a 100-400 milioni di nuovi casi e fino a 500.000 persone, per lo più bambini, sviluppano la forma più grave di febbre dengue che richiede il ricovero in ospedale. . Sfortunatamente, circa 13.000 di queste persone muoiono.
Il problema sta diventando anche un crescente problema di salute pubblica in India. In Jammu e Kashmir UT, specialmente nella regione di Jammu, si verifica un’emergenza di infezione da febbre dengue in misura preoccupante. Molti casi vengono osservati quotidianamente negli ospedali di cure primarie, secondarie e terziarie. Secondo gli esperti di scienze mediche, l’obiettivo principale del trattamento è quello di adottare misure di supporto con un’enfasi sul riconoscimento delle forme più gravi dell’infezione al fine di cercare cure mediche tempestive.
I segni e i sintomi
Una volta morso da una zanzara portatrice di dengue, il tempo medio per la comparsa dei sintomi è compreso tra quattro e sette giorni. Mentre il periodo medio di incubazione è compreso tra quattro e sette giorni, si possono manifestare sintomi già a tre giorni o fino a due settimane dopo essere stati morsi.
La febbre alta è il primo sintomo a comparire. Le febbri associate alla dengue sono elevate e vanno da 102°F a 105°F (da 38,9°C a 40,6°C). La febbre alta dura da due a sette giorni, torna alla normalità o anche leggermente al di sotto del normale, quindi può ripresentarsi. Potresti sviluppare di nuovo una febbre alta che può durare per diversi giorni.
I primi sintomi che si sviluppano dopo l’inizio della febbre sono generalmente aspecifici e sono descritti come di natura simil-influenzale. I sintomi più comuni che si verificano dopo l’inizio della febbre includono forte mal di testa frontale, dolore dietro gli occhi, forti dolori articolari e muscolari, nausea e vomito, affaticamento ed eruzioni cutanee. La dengue una volta era chiamata “febbre delle ossa rotte” a causa dell’intenso dolore che a volte si sente alle articolazioni e ai muscoli.
Altri sintomi comuni causati dal virus possono creare cambiamenti emodinamici o cambiamenti che compromettono il flusso sanguigno nel corpo. Sangue dal naso, gengive sanguinanti e aree contuse sono esempi di alterazioni del flusso sanguigno osservate con la febbre dengue. Ulteriori sintomi correlati ai cambiamenti nel flusso sanguigno possono manifestarsi come aree arrossate negli occhi e mal di gola o infiammata.
Altri segnali di pericolo che il corpo potrebbe avere difficoltà a mantenere l’integrità dei vasi sanguigni includono: nausea e vomito persistenti – vomito di sangue o caffè macinato, sangue nelle urine, dolore addominale, difficoltà respiratorie.
L’eruzione cutanea di solito inizia da tre a quattro giorni dopo l’inizio della febbre, può migliorare per uno o due giorni, ma poi può ripresentarsi. L’eruzione cutanea iniziale coinvolge spesso l’area del viso e può apparire come pelle arrossata o aree macchiate e arrossate. L’eruzione cutanea non prude. La seconda eruzione cutanea inizia nell’area del tronco, quindi si diffonde al viso, alle braccia e alle gambe. La seconda eruzione cutanea può durare da due a tre giorni. In alcuni casi, un’eruzione cutanea composta da piccoli punti, chiamata petecchie, può apparire in qualsiasi parte del corpo quando la febbre si attenua. Altre eruzioni cutanee che a volte si verificano includono un’eruzione cutanea pruriginosa sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi.
Di solito i segni ei sintomi sarebbero sufficienti per stabilire la diagnosi. Tuttavia, i cambiamenti nella conta piastrinica possono spesso essere controllati per aiutare a verificare la diagnosi. Le persone infette da febbre dengue hanno spesso una conta piastrinica inferiore al normale.
Possibili complicazioni
I sintomi possono persistere oltre i sette giorni, comportando continui problemi di vomito, vomito di sangue, forte dolore addominale, difficoltà respiratorie, aree violacee sotto la pelle simili a lividi e continui problemi di epistassi o gengive sanguinanti, che portano a “febbre emorragica dengue”. una condizione medica grave e pericolosa per la vita.
I vasi sanguigni più piccoli del corpo diventano più permeabili o con perdite. I capillari che perdono consentono al fluido di fuoriuscire dai vasi sanguigni e di accumularsi nel torace e nella cavità addominale, causando condizioni chiamate medicamente ascite e versamenti pleurici.
La sindrome da shock da dengue, un’altra entità complicata, è riconosciuta dai primi sintomi che includono diminuzione dell’appetito, febbre continua, vomito continuo e sintomi persistenti associati alla febbre dengue. Il rischio massimo di shock è tra il terzo e il settimo giorno di malattia. La sindrome da shock da dengue può essere fatale. Inoltre, la persona può soffrire di malattie cerebrali, perdita della funzione cerebrale, danni al fegato o convulsioni.
Cura la febbre dengue
Sebbene non esista un trattamento specifico per la febbre dengue, i rischi di sviluppare problemi di sanguinamento causati dall’infezione richiedono cure mediche. Mentre la maggior parte delle persone guarisce dalla febbre dengue in circa due settimane con cure di supporto generali, molte persone, in particolare gli adulti, continuano a sentirsi stanche e in qualche modo depresse per diverse settimane o mesi dopo l’infezione da febbre dengue.
I metodi più comuni per curare la febbre dengue comportano l’adozione di misure per consentire al corpo di guarire. Riposati a sufficienza a letto, bevi molti liquidi e prendi medicine per controllare la febbre, solo sotto controllo medico.
Il trattamento per la sindrome da shock da dengue includerà il controllo della perdita di sangue, la sostituzione dei liquidi, i tentativi di stabilire una pressione sanguigna normale, l’ossigeno e possibilmente la trasfusione per ripristinare le piastrine e fornire sangue fresco agli organi vitali dei pazienti.
Prevenire la febbre dengue
Le zanzare portatrici di dengue si nutrono più spesso durante il giorno, di solito al mattino presto e nel tardo pomeriggio. Rimani in casa durante questi periodi, tieni l’aria condizionata accesa e tieni chiuse le porte e le finestre con zanzariera. Viaggia nelle ore del giorno in cui le zanzare sono meno attive.
Adottare misure per coprire la sua pelle. Indossa abiti larghi. Cerca di indossare maniche lunghe, pantaloni lunghi, calze e scarpe e persino guanti da lavoro, quando devi stare all’aperto durante le ore del giorno in cui le zanzare sono più attive. Dormire sotto una zanzariera.
Applicazione di un repellente per zanzare topico. I prodotti contenenti DEET sono noti per essere efficaci. Altri repellenti per insetti che possono essere utili includono quelli contenenti picaridina, olio di eucalipto di limone.
Le zanzare portatrici di dengue si trovano più spesso vicino alle case. A loro piace riprodursi in acqua tenuta in contenitori artificiali, come botti da gallone, vasi di fiori, piatti per animali domestici o vecchi pneumatici. Sbarazzarsi di eventuali serbatoi d’acqua stagnanti che non sono necessari. Verifica della presenza di fonti nascoste di acqua stagnante: scarichi o grondaie intasati, pozzi, tombini e sistemi settici possono avere aree di acqua stagnante. Pulisci queste aree o riparale in modo che non trattengano più acqua indesiderata.
Elimina i contenitori che trattengono l’acqua stagnante intorno o vicino all’esterno della tua casa. Pulisci i piattini dei vasi di fiori, le vaschette per uccelli, le fontane e i piatti per animali domestici almeno una volta alla settimana per sbarazzarti di eventuali larve. Mantieni le piscine e metti i pesci che mangiano zanzare in piccoli stagni. Assicurati che porte e finestre abbiano schermi aderenti e che tutte le porte e le finestre si chiudano correttamente.

Add Comment