L’obesità può influire sulla salute del cuore nei bambini di 6 anni


Dall’età di 6 anni, i bambini in sovrappeso potrebbero essere diretti verso il futuro diabete o malattie cardiache, secondo un nuovo studio.

Lo studio su quasi 1.000 bambini danesi ha scoperto che i bambini in sovrappeso spesso sperimentavano aumenti di zucchero nel sangue e insulina prima dell’età scolare. Avevano anche livelli più alti di trigliceridi (un tipo di grasso nel sangue) rispetto ai loro coetanei, ma livelli ematici più bassi di colesterolo HDL (“buono”).

Tuttavia, queste differenze non erano evidenti nei bambini in età prescolare in sovrappeso.

I ricercatori hanno affermato che i risultati sottolineano l’importanza di un’alimentazione sana e dell’attività fisica durante gli anni in età prescolare, prima che gli effetti dell’eccesso di peso inizino a manifestarsi.

Ma nessuno punta il dito contro i genitori. Gli esperti hanno affermato che l’obesità infantile è complessa e spesso collegata a fattori sociali sui quali le famiglie non hanno alcun controllo, come la mancanza di cibi sani a prezzi accessibili o luoghi sicuri in cui i loro figli possano essere fisicamente attivi.

“I genitori vogliono il meglio per i loro figli. Vogliono che abbiano cibo nutriente”, ha affermato Amy Yaroch, direttrice esecutiva del Gretchen Swanson Center for Nutrition, un istituto di ricerca senza scopo di lucro a Omaha, nel Nab.

“Ma volere il meglio ed essere in grado di fornirlo sono due cose diverse”, ha aggiunto Yaroch, che non è stato coinvolto nello studio.

In generale, dice, gli americani vivono in una società che rende difficile un’alimentazione sana e l’esercizio fisico, dove, tra le altre cose, siamo circondati dal marketing di cibi pronti progettati per essere gustosi e attraenti.

In effetti, i fast food superano di gran lunga i negozi di alimentari, ha affermato Amanda Staiano, una ricercatrice sull’obesità pediatrica che non ha avuto alcun ruolo nella ricerca.

E per le famiglie a basso reddito, la battaglia può essere particolarmente dura.

“Molto dipende da reddito, risorse, tempo e stress”, ha affermato Staiano, che dirige il Pediatric Obesity and Health Behavior Laboratory presso il Pennington Biomedical Research Center, a Baton Rouge, in Louisiana.

La buona notizia è che esistono programmi nazionali che migliorano la qualità dell’alimentazione per bambini in età prescolare e in età scolare, come lo Special Supplemental Nutrition Program for Women, Infants and Children (WIC), che fornisce assistenza nutrizionale alle persone a basso reddito persone. donne con bambini piccoli e il programma National School Lunch.

“Penso che i programmi di colazione e pranzo della scuola siano migliorati molto”, ha detto Staiano.

Infatti, ha aggiunto, è spesso durante i mesi estivi, quando i bambini non vanno a scuola, che spesso si verifica un aumento di peso eccessivo.

Rispetto a quegli anni in età scolare, i primi anni hanno tradizionalmente ricevuto meno attenzione quando si tratta di prevenire e gestire l’obesità, hanno affermato Staiano e Yaroch. Ma questo sta cambiando.

Yaroch ha indicato un programma finanziato dal governo chiamato National Early Care and Education Learning Collaborative, che è stato implementato in numerosi stati degli Stati Uniti per promuovere un’alimentazione sana e l’esercizio fisico e ridurre il “tempo davanti allo schermo” nei centri per l’infanzia.

“Gli anni da 0 a 5 sono quando stabilisci preferenze e comportamenti di gusto”, ha detto Yaroch. “E prima puoi intervenire, meglio è.”

Nel nuovo studio, i ricercatori del Copenhagen Holbaek University Hospital, in Danimarca, hanno seguito 335 bambini in età prescolare e 657 bambini in età scolare, di età compresa tra 6 e 8 anni. In entrambi i gruppi di età, circa il 14% era in sovrappeso, il che significa che aveva un indice di massa corporea superiore al 90° percentile per età e sesso. (Negli Stati Uniti, l’85° percentile è considerato sovrappeso).

In media, i bambini in età scolare che portavano peso in eccesso avevano livelli di zucchero nel sangue e insulina più elevati rispetto ai loro coetanei, un indicatore che potrebbero essere sulla traiettoria verso il diabete di tipo 2. Avevano anche trigliceridi più alti e livelli più bassi di HDL per la protezione del cuore colesterolo. E un anno dopo, la percentuale di bambini in sovrappeso in età scolare era salita al 17%.

Lo studio, guidato dalla dott.ssa Christine Frithioff-Bøjsøe, è stato pubblicato online il 3 maggio sulla rivista Ricerca sull’obesità e pratica clinica. I risultati sono stati presentati all’incontro dell’European Obesity Congress a Maastricht, nei Paesi Bassi.

Un avvertimento, ha osservato Staiano, è che anche negli scolari in sovrappeso, la glicemia, l’insulina e altri marcatori erano ancora nel range di normalità. Ma, ha aggiunto, è preoccupante vedere le differenze in così giovane età.

“Non sappiamo come li influenzerà più avanti nella vita”, ha detto Staiano.

Uno degli obiettivi generali, secondo Staiano, è non solo avere programmi formali mirati all’alimentazione e alla salute dei bambini, ma anche strumenti pratici che le famiglie possano utilizzare a casa. Ha notato che a volte i semplici consigli degli operatori sanitari possono essere molto utili, come leggere i segnali della fame del tuo bambino piuttosto che mirare sempre a “finire il biberon” o dare porzioni appropriate ai bambini piccoli.

Staiano ha detto che pensa che l’American Academy of Pediatrics abbia fatto un buon lavoro aiutando i medici e altri fornitori a migliorare le proprie capacità nella gestione del peso dei bambini.

“Penso che gli operatori sanitari abbiano un ruolo importante qui”, ha detto Staiano. “Ma anche le scuole, le comunità e il negozio di alimentari locale possono fare la loro parte”.


Cambiamenti nei grassi nel sangue, altri indicatori di salute del cuore e diabete rilevabili dall’età di sei anni nei bambini in sovrappeso


Maggiori informazioni:
L’American Academy of Pediatrics offre consigli su nutrizione ed esercizio fisico.

Christine Frithioff-Bøjsøe et al, Rilevazione precoce del sovrappeso infantile e delle complicazioni associate in una coorte di popolazione danese di età compresa tra 2 e 8 anni, Ricerca sull’obesità e pratica clinica (2022). DOI: 10.1016/j.orcp.2022.04.001

© 2022 Giornata della salute. Tutti i diritti riservati.

Citazione: L’obesità può influire sulla salute del cuore nei bambini di appena 6 anni (4 maggio 2022) recuperata il 5 maggio 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-05-obesity-affecting-heart-health-kids. html

Questo documento è soggetto a copyright. Fatta eccezione per il fair use per scopi di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Add Comment