Recensione e frammenti del libro “After Steve”: Friction Forstall, origine Apple Car, uscita Jony

Dopo Steve: come Apple è diventata un’azienda da trilioni di dollari e ha perso la sua animaIl nuovo libro di WSJ del giornalista tecnologico del NYT Tripp Mickle è uscito oggi. 9to5Mac ricevuto una copia avanzata per la revisione. Le sue pagine dividono il tempo del lettore tra il tracciare le origini e le carriere dei due principali decisori di Apple degli ultimi anni, Tim Cook e Jony Ive, incluso gran parte di ciò che è già stato pubblicamente documentato. Nuovi dettagli sull’ultimo anno di Scott Forstall in Apple, l’ideatore dell’Apple Watch, e momenti rivelatori all’inizio dello sviluppo del leggendario progetto Apple Car completano la storia abbastanza da attirare l’attenzione della maggior parte degli osservatori Apple.

Dopo Steve rivisita gran parte dell’ultimo decennio in Apple, per lo più dal 2011 al 2019, da quando il co-fondatore Steve Jobs si è dimesso da CEO a quando il capo del design Jony Ive ha ufficialmente lasciato l’azienda. L’account ripercorre anche il mandato di Tim Cook come CEO durante il quale il valore dell’azienda è salito alle stelle nonostante la fastidiosa preoccupazione iniziale che Apple potesse essere condannata senza la guida di Steve Jobs.

La sfida per Dopo Steve rende l’argomento abbastanza interessante da poter essere rivisitato così presto (sebbene il passare del tempo alleggerirà quel fardello). La domanda su cosa accadrà ad Apple dopo la morte di Steve Jobs preoccupa molte meno persone oggi rispetto al 2011.

È anche difficile scrivere un libro su Apple oggi senza necessariamente includere argomenti già ben coperti per il contesto. Leggere del debutto di Jony Ive in Apple o dei pochi dettagli che conosciamo sul debutto di Tim Cook potrebbe sembrare ripetitivo per chiunque abbia già familiarità con questi personaggi. Tuttavia, i nuovi arrivati ​​apprezzeranno il completamento fornito dai dettagli sulle prime interazioni di Ive con Steve Jobs e l’affinità di Tim Cook per il football del college Auburn.

Mickle sparge anche nuovi resoconti su punti chiave della sequenza temporale e momenti insignificanti durante la storia che catturano la tua attenzione senza sentirsi completamente raccontato.

Ad esempio, Mickle scrive che il capo del software dell’iPhone Scott Forstall è stato “apoplettico” quando ha stabilito che era l’hardware, non il software, a causare l’interruzione delle chiamate di un prototipo di iPhone 4. . prima “Antennagate” è diventato un fiasco pubblico:

Lo scontro più problematico è avvenuto con Ive. Nel 2010, Apple era nelle fasi finali della produzione dell’iPhone 4. Un prototipo consegnato a Forstall ha interrotto ripetutamente le chiamate mentre era al telefono. Era preoccupato che il problema fosse legato al software e ha chiamato il personale per determinare cosa c’era che non andava. Dopo che il suo team non è riuscito a trovare alcun problema di codifica, Forstall ha scoperto che il problema si stava verificando a causa del design del telefono. Volevo un iPhone più sottile e leggero, che è stato ottenuto avvolgendo la sua antenna di metallo attorno ai bordi del dispositivo. Forstall era apoplettico. Ha fatto esplodere il design imperfetto nelle conversazioni con Jobs e si è lamentato del fatto che fosse stato tenuto nascosto al suo team di software. Ho irritato le critiche.

Né Forstall era un fan dell’idea di Apple Watch, la prima idea di prodotto di Jony dopo la morte di Steve Jobs, secondo Mickle:

L’ingegnere dietro il sistema operativo iPhone temeva che legare un computer in miniatura ai polsi delle persone le avrebbe distratte dalla vita di tutti i giorni. Temeva che amplificasse una conseguenza involontaria dell’iPhone, un dispositivo così accattivante da assorbire l’attenzione, interrompere la conversazione e mettere in pericolo i conducenti. Temeva che un orologio avrebbe aggravato le interruzioni della vita quotidiana spostando le notifiche dalle tasche e dalle borse delle persone ai loro polsi. Sebbene non abbia escluso un orologio, ha affermato che dovrebbe avere capacità oltre a quelle già disponibili su un iPhone. Predicava prudenza.

Il dubbio di Forstall irritava Ive.

Secondo il libro, Forstall preferiva invece sviluppare un prodotto attorno alla televisione.

Forstall, il cui staff ha partecipato alla presentazione, ha sostenuto l’idea di creare un sistema che riunisca i canali TV in un unico posto in modo che le persone possano cercare programmi con la loro voce. Il sistema visualizzerebbe anche gli spettacoli che le persone guardavano regolarmente e suggerirebbe programmi correlati che potrebbero apprezzare. Ma perché funzionasse, Apple aveva bisogno delle reti TV per acquistarlo, un processo lungo che sarebbe stato fuori dal suo controllo. Con l’aumento della pressione esterna, è toccato a Tim Cook decidere il prossimo passo di Apple: il progetto Ive’s Watch o lo sforzo televisivo di Forstall.

Forstall, ovviamente, è stato infine licenziato da Tim Cook all’inizio del suo incarico di CEO di Apple, quindi Jony è stato promosso alla progettazione di software. Oh, come “attrito con Forstall” avrebbe potuto essere il meme se “attrito con Jony Ive” non avesse avuto così tanto spazio per respirare.

Con Forstall fuori e Jony dentro, la realtà lascia il posto ad altre storie interessanti su Jony Ive, l’Apple Watch e il progetto Apple Car.

Il libro include storie di Ive che ha dotato un iPod nano di un elettrocardiogramma per dimostrare cosa potrebbe fare un potenziale prodotto Apple Watch, una bizzarra dimostrazione di Apple Car nel 2015 e persino un dettaglio imbarazzante in cui il fotografo dietro il libro dal design del prodotto Apple di Jony Ive è stato chiesto da Apple di rimborsare fino a $ 20 milioni dopo che un audit ha rilevato un costo eccessivo per i suoi servizi.

Lo sviluppo di Apple Car sarebbe continuato fino ad oggi, ovviamente, ma era così che era sette anni fa, secondo Dopo Steve:

Un giorno, nell’autunno del 2015, ho incontrato Tim Cook a Sunnyvale per mostrargli come immaginava il funzionamento dell’auto. Immaginava che il veicolo sarebbe stato a comando vocale e che i passeggeri sarebbero saliti a bordo e avrebbero detto a Siri dove volevano andare. I due dirigenti sono entrati nell’interno della cabina prototipo simile a un salotto e sono affondati nei sedili. All’esterno, un attore ha interpretato il ruolo di Siri e ha letto un copione che era stato scritto per la stravagante dimostrazione. Mentre l’auto immaginaria avanzava, finsi di guardare fuori dal finestrino. “Ehi, Siri, cos’era quel ristorante in cui siamo appena entrati?” Chiese. L’attore fuori ha risposto. Sono seguiti alcuni altri scambi con i dirigenti. Poi sono sceso dall’auto con un’espressione soddisfatta come se il futuro fosse ancora più grandioso di quanto avesse immaginato. Sembrava ignaro degli ingegneri che stavano guardando, alcuni dei quali erano presi da una sensazione a disagio che il progetto fosse immaginario quanto la dimostrazione, avanzando rapidamente ma lontano dalla sua destinazione finale.

Il formato del libro salta da un capitolo all’altro descrivendo in dettaglio l’esperienza di Jony Ive e le azioni intraprese da Tim Cook. I due a volte si intersecano, ma la mancanza di intersezione è usata anche per descrivere una realtà in cui Tim Cook ha permesso a Jony Ive di lasciare Apple senza molto clamore.

Vengono anche trattati il ​​periodo in cui Jony ha cercato di lasciare l’azienda molto prima e la nota storia della sua ascesa al part-time, del suo imbarazzante ritorno e della sua inevitabile partenza. Lo scenario di Cook è molto più stabile e meno interessante. Ciò è in parte dovuto alla natura esecutiva di Apple (privata e da uomo di Stato), anche se il grande libro su Tim Cook deve ancora essere scritto.

Tuttavia, manca qualsiasi menzione della storia davvero molto interessante che è accaduta dietro le quinte di Apple durante i giorni della tastiera a farfalla del MacBook. Nonostante l’insistenza del designer sulla perfezione, è certamente vero che alcuni hardware Apple hanno preso direzioni di design che hanno privilegiato la forma rispetto alla funzione durante i suoi ultimi anni con l’azienda.

Il libro cattura le critiche secondo cui Ive potrebbe essere stato pagato in eccesso, in particolare mentre senza dubbio distratto dal desiderio di lasciare l’azienda, ma qualcuno potrebbe scrivere un intero libro sullo stato del Mac negli ultimi anni di Jony e sulla sua acclamata guarigione dopo il suo rilascio . .

Per quanto riguarda il sottotitolo, Come Apple è diventata un’azienda da trilioni di dollari e ha perso la sua anima la prima è effettivamente catturata mentre la seconda affermazione è discutibilmente editoriale e lasciata aperta al dibattito. Questa inquadratura secondo cui Cook ha spostato l’azienda da un luogo che aveva una mentalità pro-successo finanziario è presente in tutto il libro.

Fortunatamente, l’editorializzazione è abbastanza leggera Dopo Steve dovrebbe essere accettabile anche per coloro che rabbrividiscono al sottotitolo. Dopo Steve: come Apple è diventata un’azienda da trilioni di dollari e ha perso la sua anima di Tripp Mickle è stato rilasciato oggi.

FTC: utilizziamo link di affiliazione automatici che generano entrate. Dopo.


Dai un’occhiata a 9to5Mac su YouTube per ulteriori notizie su Apple:

Add Comment